Lemme vince il vento…

Scrivere dell’infanzia vuol dire riviverla con la mentalità dell’adulto. Quando ho deciso di scrivere questo libro, dieci anni fa circa, mi son letto molti libri sul tema e come dice un personaggio di Lemme, ho scoperto che non è ancora stato scritto il libro che volevo scrivere io. In tutta la mia carriera questo è un punto centrale, ovvero elaborare una produzione che fosse “mia” e solo “mia”.

Ho creato il personaggio Lemme, un bimbetto colto nei primi dieci anni di vita, per dimostrare come allora, siamo nella prima decade degli anni Cinquanta, fosse molto difficile cavarsela. Alla fin fine i bimbi, forse anche oggi se la cavano sempre, l’adulto teme per loro, ma è tempo sprecato, i bambini sanno quel che fanno.

Lemme è un cinno che parte dal livello più basso e (maleodorante) possibile, non a caso nel primo capitolo lo troviamo in una situazione davvero imbarazzante poiché se l’è fatta addosso all’asilo, in quell’asilo cui è stato costretto ad andare controvoglia. Nonostante questa partenza ad handicap si pone l’obiettivo di raggiungere la sua totalità, il suo essere presente vivo e vitale dentro a questo mondo.

Il vento è il vero nemico da battere, quell’assurda entità che gli viene sbandierata come il lupo mannaro, come un mostro mangia-bimbi. Ed è un vero piacere constatare che un bel giorno il nostro Lemmino nonostante tutte le reprimende che lo obbligavano a restare tappato in casa, decida di uscire ugualmente e con suo sommo gaudio e sorpresa, scopra che non succede un bel nulla, nessuno lo mangia, nessuno lo rincorre, solo e soltanto l’ebbrezza della libertà.

Indice dei capitoli

 

1  Assillo asilo

2  La sorpresa

3  Ogni problema ha la sua soluzione

4  La questione della donna e dell’uomo

5  La misura è colma

6  Il miracolo di Campanile Sera

7  Cavalluccio marino

8  Nebbia in Val Padana

9  Don Lurio e Humpty Dumpty

10 Giustizia è fatta

11 In nuce intellettuale

12 Lupo mannaro

13 Tacere e ascoltare

14 Squarcione

15 Il punto al centro della O

16 Lapsus

17 Il grande mago

18 Lo spallone del Reno

 

19 Eros e gàt

20 Lunapark

21 La via maestra

22 Il cordone dialettale

23 Il borsalino

24 Santa sega

25 EMME

26 Fort Apache

27 Segatura

28 Ribelle

29 Traveggole

30 Impara l’arte

31 L’eterno contenzioso

32 Storture

33 Ninfa

34 Cric

35 Cado

36 Tic

37 Totalemme

Libreria Albatros corso del Guercino 55 A   – Cento  – venerdì 13 dicembre 2019 ore 19

*

Ho letto con interesse e coinvolgimento il tuo Lemme vince il vento, vero romanzo di formazione in singoli atti o tappe di grande presa, in virtù della scrittura densa e netta, pronta a recuperare qua e là mozziconi dialettali. Complimenti, perché è tutt’altro che facile raccontare l’avventura di un cinno in piena originalità. Paolo Ruffilli

*

Ho compulsato in questi giorni il romanzo-memoir Lemme vince il vento, finendo di leggerlo proprio in coincidenza con la celebrazione dei 60 anni di Tutto il calcio minuto per minuto che non casualmente innerva l’ultimo capitoletto del libro. Che si legge assai piacevolemente anche come enciclopedia o wikipedia di una bildung infantile tra anni ’50 e primi ’60 del secolo scorso. Punto di forza è sicuramente la scrittura per via di una sorta di espressivismo italo-emiliano in cui la lingua è assai spesso crivellata dal dialetto, ciò che gli dà anche un ritmo invidiabile nel ricostruire un mondo remoto, però evidentemente assai presente nella memoria dell’autore, vista la quantità di minuti dettagli sia personali sia concernenti molte altre figure che vengono narrati. La stessa foto di copertina così iconica e così artificiosa sembra quasi essere stata scattata a metà del Novecento per essere poi riutilizzata nel secolo successivo come sigla visiva di un’epoca. Mi è venuto pure da chiedermi quanti dei compaesani e coevi hanno letto il libro e se si sono o meno riconosciuti nel ritratto individuale e collettivo che è stato fatto. Comunque, questo ricco e ironico amarcord mi sembra bello anche perché la  vicenda di  questo bambino diventa specchio di una società e di un paese che erano sicuramente più felici e più carichi di speranze del tempo attuale. E’ perciò un amarcord che diventa un agrodolce “noi ci ricordiamo”. Marco Palladini

Enzo Minarelli
gaspare.palmeri@raizen.it